ricette facili

ricette facili

martedì 27 settembre 2011

COSTINE DI MAIALE ALLA BIRRA




Con questa ricetta partecipo al contest "Perchè solo berla?! Usiamola in cucina" di Matteo (http://singleinkitchen.blogspot.com/2011/05/perche-solo-berla-usiamola-in-cucina-la.html)

Ingredienti:
- 6 costine di maiale magre
- 2 bicchieri di birra (io ho usato una weissbier, la Wieselburger ma valutate voi..)
- sedano, carota, cipolla
- 1 dado
- salvia
- olio extravergine d'oliva
- acqua
- concentrato di pomodoro (facoltativo)

Versate un filo d'olio nella pentola a pressione, aggiungete le costine e rosolatele qualche minuto per parte. Sfumate con due bicchieri circa di birra, aggiungendola poco per volta.
Aggiungete abbondante trito di sedano, carota e cipolla, il dado e versate un bicchiere abbondante di brodo nel quale, se vi piace, avrete aggiunto due cucchiai di concentrato di pomodoro.
Chiudete la pentola a pressione e appena il sibilo si intensifica, abbassate la fiamma e cuocete per circa 20 minuti, a seconda della grandezza delle costine.
Spegnete il fuoco, sfiatate bene la valvola della pentola a pressione, togliere il coperchio, togliete le costine e tenete da parte coperte.
Togliete la salvia e frullate col minipimer il sughetto. Fate eventualmente restringere il sughetto (se necessario aggiungete un cucchiaino di farina per addensare). Rimettete le costine nel suo sughetto e servite ben calde.

-> Io l'ho accompagnato ad un couscous ma lo potete servire con purè o patate lesse a vostro piacere.

lunedì 26 settembre 2011

BLUEBERRY-MUFFIN


In onore della nuova trasmissione tv "I menù di Benedetta" in onda su La7 ho provato la ricetta della Parodi e mi è piaciuta molto.
Ho apportato solo qualche piccola modifica aggiungendo più zucchero e meno mirtilli. Provatela così!

Ingredienti:
- 1 uovo
- 250 grammi farina
- 250 ml latte
- 3 cucchiaini lievito per dolci
- 100 grammi mirtilli
- 150 grammi zucchero
- 60 grammi burro
- 1 pizzico di sale

Mescolate in una ciotola l'uovo con lo zucchero.
Aggiungete il burro sciolto freddo e il latte e mescolate ancora.
Aggiungete la farina a cui avete precedentemente unito il lievito e il pizzico di sale.
Mescolate a mano, non sono necessarie le fruste, il composto non deve risultare liscio. Infarinate i mirtilli ed uniteli al composto affinchè non affondino.
Riempite dei pirottini da muffin per 3/4 in modo che non strabordino e cuocete in forno preriscaldato a 180°per circa 20 minuti.

lunedì 19 settembre 2011

CANTUCCINI


Ingredienti:
- 250 gr farina
- 250 gr zucchero
- 150 gr mandorle con la buccia
- 2 uova
- 1 cucchiaino di lievito in polvere
- 1 bustina di vanillina
- 1 cucchiaino di scorza di limone grattugiata
- 1 pizzico di sale

In una terrina disponete la farina a fontana. Al centro della fontana mettete lo zucchero, il lievito, la vanillina e le uova battute.
Lavorate l’impasto e fate assorbire man mano la farina.
Aggiungete all’impasto ottenuto le mandorle intere.
Amalgamate bene l’impasto fino a renderlo omogeneo.
Con l’impasto ottenuto fate 2 cilindri larghi 4 cm. e alti 2 cm e disponeteli su una teglia rivestita di carta da forno.
Disponete i filoncini distanziati per evitare si uniscano crescendo con la cottura.
Infornate a 180° per circa 30 minuti o finché la superficie risulterà dorata.
Sfornate i filoncini di pasta e tagliateli ancora caldi in senso diagonale a fette larghe circa 1 cm ottenendo così la classica forma a losanga tipica dei cantuccini.
Adagiate i cantuccini sulla teglia da forno e rinfornateli per altri 10 minuti a 150°C in modo da far asciugare l’impasto.
Lasciate intipidire i cantucci e serviteli accompagnati con del vin santo o un passito nel quale possono esser inzuppati.

ORECCHIETTE ALLE CIME DI RAPA


Ingredienti:
- 400 gr. orecchiette
- 250 gr. circa di cime di rapa fresche (o surgelate)
- olio extravergine d’oliva
- 1 spicchio d’aglio
- 1 peperoncino
- 4 filetti d’acciughe

Prendete le cime di rape già pulite, tagliate in più parti, e lavatele bene in acqua fredda corrente.
Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata, e quando l’acqua bollirà, buttateci dentro le cime di rapa. A lessatura avvenuta, scolatele tenendo da parte l’acqua di cottura, che vi servirà per lessarci le orecchiette.
Riportate a bollore l’acqua e buttateci le orecchiette.
Prendete una padella, mettete a imbiondire con l’olio i due spicchi di aglio schiacciati, i filetti di acciughe spezzettati e il peperoncino.
Quando l'aglio sarà dorato e i filetti di acciughe si saranno sciolti unite le cime di rapa ben scolate e fatele saltare qualche minuto.
Scolate le orecchiette al dente e unitele al condimento nella padella, fatele saltare per un minuto aggiungendo anche un po' di acqua di cottura se dovessero risultare troppo asciutte, quindi servite immediatamente.

-> per insaporire un pò di più il condimento potete aggiungere un pizzico di dado granulare e qualche cucchiaio di acqua di cottura per farlo sciogliere.

-> io ci ho messoa nche una grattugiata di parmiggiano con la grattugia a fori grossi.. ma la ricetta originale non lo prevede!

CONFETTURA DI FICHI


Ingredienti:
- 1 kg di Fichi
- il succo e la buccia di un Limone
- 1 kg di Zucchero

Lavate i fichi delicatamente sotto l’acqua corrente, quindi sbucciateli, e tagliateli in 2 parti.
Metteteli in una casseruola capiente e uniteci la buccia grattugiata e il succo di un limone e lo zucchero.
Quindi fate cuocere a fuoco moderato fino a quando i fichi non si saranno ridotti in poltiglia.
Frullateli con il mixer ad immersione e lasciate cuocere, rimestando di tanto in tanto, per 20-25 minuti fino a che la confettura non avrà raggiunto la giusta consistenza.
Se necessario durante la cottura schiumate la vostra confettura affinché non resti opaca.
A cottura ultimata, travasate la confettura di fichi ancora caldi in vasetti sterilizzati, chiudeteli (capovolti se preferite) e coprite con delle coperte così da farli raffreddare lentamente.

-> Per accertarvi che la vostra confettura sia pronta esiste un trucco molto semplice: immergete un cucchiaino in pentola e lasciate cadere una goccia di confettura su un piattino reclinato. Se la goccia non scivolerà ma risulterà molto densa, allora la confettura sarà pronta.

venerdì 16 settembre 2011

FRITTATA DI ZUCCHINE AL FORNO


- 4 uova + 2 tuorli
- 150 gr. ricotta
- 3 cucchiai di parmigiano grattugiato
- 2 zucchine
- sale e pepe

Grattugiate con la grattugia a fori grossi le zucchine tagliate precedentemente a tocchetti così da non ottenere pezzi troppo lunghi.
Sbattete i tuorli, aggiungete il formaggio, la ricotta, sale e pepe.
Lavorate bene il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo. Aggiungete le zucchine e gli albumi montati a neve.
Amalgamate bene il composto e disponetelo in uno stampo da forno oleato (potete usare uno stampo da plumcake oppure dei pirottini di alluminio così da avere già delle monoporzioni.. io ho utilizzato uno stampo particolare a fette come ho visto fare tempo fa da una foodblogger di cui però non ricordo il nome..).
Infornate a 180°C per circa 15 minuti o finchè la superficie risulterà abbastanza dorata.
Servite tiepida.

-> Ottima anche come antipasto.
-> Potete sostituire le zucchine con punte d’asparagi, carciofi oppure tonno, prosciutto a dadini.. quello che più vi piace o avete in casa.

PASTICCINI DI PASTA DI MANDORLE


Ingredienti:
- 150 gr farina di mandorle
- 100 gr zucchero fine
- 2 albumi
- mezza fialetta di essenza di mandorle
- Mandorle/ciliegine candite

Mescolate fra loro lo zucchero con le mandorle tritate, aggiungete poco alla volta gli albumi sbattuti leggermene con la forchetta e amalgamate bene tutti gli ingredienti. L'impasto deve risultare abbastanza sodo quindi se vi sembra che l'impasto sia della giusta consistenza, mettete qualche cucchiaio di albume di meno. Aggiungete l'essenza di mandorla e mescolate.
Mettete l’impasto in una sacca da pasticcere con beccuccio rigato o in una siringa e fate delle rosette su di una teglia con carta da forno.
Decorate con una mandorla o mezza ciliegina candita al centro e mettere in frigo per un ora.
Spolverate di zucchero e infornate a 170 C° per circa 10 minuti circa o finchè il bordo risulterà leggermente dorato.
Togliete la teglia dal forno e lasciate raffreddare prima di trasferire su di un piatto da portata per evitare che si rompano.

-> Essendo pasticcini secchi potete conservarli anche per un mese in un contenitore a chiusura ermetica

mercoledì 7 settembre 2011

PEPERONCINI TONDI RIPIENI


Ingredienti:
- 1,5 Kg. di Peperoncini tondi
- 1 lt. Aceto di vino bianco 250 ml
- 1 lt. di Vino bianco
- 2 foglie Alloro
- 3 Chiodi di garofano
- 6 grani di Pepe
- 1 cucchiaino di sale
- acciughe
- Capperi
- 4 scatolette di Tonno sott’olio grandi

Lavate i peperoncini piccanti, togliete loro il picciolo con un coltellino dalla lama appuntita. Svuotateli completamente aiutandovi con un piccolo cucchiaino ( o meglio con lo scavino per far le palline di melone).
Versate in una casseruola il vino bianco, l’aceto e aggiungete le spezie e il sale, poi portate il tutto a ebollizione.
Buttateci dentro i peperoncini e fateli cuocere per 3 minuti, poi scolateli e poneteli capovolti su di un canovaccio pulito ad asciugare per alcune ore o anche per una notte(per una corretta conservazione i peperoncini devono essere belli asciutti).
Mettete il tonno in una ciotola e sminuzzatelo con la forchetta.
Farcite l’interno dei peperoncini uno ad uno con un po’ di tonno, premendolo bene sul fondo e sui lati e poi mettete un acciuga avvolta intorno ad un cappero al centro.
Ripetete per tutti i peperoncini.
Prendete dei vasetti sterilizzati e riempiteli con i peperoncini ripieni, avendo cura di posizionarli ben dritti con la parte bucata verso l’alto o verso i lati, riempite il vasetto di olio fino a coprirli completamente, aggiungete la griglia e chiudete bene i vasetti.
Poneteli in un luogo fresco e buio per alcune settimane prima di mangiarli.

martedì 6 settembre 2011

GIARDINIERA


Ingredienti:
- verdure miste (carote, sedano,peperoni gialli e rossi, cipolline, cavolfiore, cetrioli.. o quelle che più preferite)
- 2/3 (due terzi) di aceto bianco
- 1/3 (un terzo) di acqua
- sale
- zucchero
- olio di semi

Per prima cosa pulite e lavate tutte le verdure:
Sbucciate le cipolline (tuffandole un minuto in acqua bollente si sbucciano facilmente), tagliate il sedano a pezzetti, tagliate le carote a rondelle, dividete le cime di cavolfiore in rosette, affettate a rondelle i cetrioli e i peperoni a quadretti.
Mettete sul fuoco, in una capace pentola d’acciaio, l’aceto e l’acqua con le foglie d’alloro (il rapporto dev’essere 2 terzi di aceto e 1 terzo di acqua), il sale e lo zucchero (in uguale dose, io faccio 1 cucchiaino di sale e 1 cucchiaino di zucchero per ogni litro di liquido).
Quando l’aceto bolle, buttateci dentro le verdure più dure: carote e sedano, lasciando sbollire il tutto per circa 5 minuti.
Aggiungete poi il cavolfiore, i peperoni, i cetrioli e continuate la cottura per altri 3-4 minuti o fino a quando tutte le verdure saranno pronte: dovranno risultare appena tenere, non molli.
Togliete quindi la pentola dal fuoco, scolate le verdure e lasciate raffreddare stese su di un canovaccio.
Una volta fredde, disponete le verdure in barattoli puliti e asciutti.
Riempite i vasetti con olio di semi, aggiungete la griglia di plastica e chiudete bene i vasi.
Tenete di luogo fresco e asciutto.
Dopo circa un mesetto saranno pronti per essere mangiati, come antipasto o come contorno ai vostri piatti di carne o di pesce.

-> In alternativa potete coprire la giardiniera con l’aceto di cottura filtrato. Chiudete i barattoli; quindi sterilizzate, facendoli bollire per mezz'ora in un tegame ricoperti di acqua.
A questo punto, estraete i barattoli solo quando l’acqua sarà fredda, asciugateli e riponeteli in dispensa.

lunedì 5 settembre 2011

MELANZANE SOTT'OLIO


Ingredienti:
- Melanzane
- aceto
- Acqua
- Olio extra vergine d’oliva
- Origano
- Aglio
- Chiodi di garofano
- sale

Sbucciate le melanzane con l’aiuto di un pelapatate, affettatele a rondelle, cospargetele con del sale grosso e lasciatele perdere un po’ di acqua amara per qualche ora in uno scolapasta.
Asciugate le fette e rimuovete il sale rimasto.
Portate a ebollizione acqua e aceto nel rapporto di 1/3 di acqua e 2/3 aceto (a seconda del quantitativo delle melanzane sarà necessario più o meno liquido per scottarle. Se ne fate tante per esempio utilizzerete 1 di acqua e 2 litri di aceto).
Raggiunto il bollore gettatevi le fette di melanzana per 2-3 minuti.
Scolatele e stendetele su di un canovaccio ad asciugare per qualche ora (anche una notte volendo), tamponando con carta da cucina.
Tagliate le melanzane a listarelle e conditele in una ciotola con olio di oliva e origano.
Disponete le melanzane nei vasetti aggiungendo in ogni vasetto qualche pezzetto di aglio e chiodi di garofano (io metto 3 chiodi e 1 spicchio d’aglio diviso in tre pezzi per ogni vasetto da 250 ml).
Coprite con olio d’oliva.
Fate attenzione che non si formino bolle d’aria sotto. Per sicurezza dopo aver aggiunto l’olio infilate un cucchiaino tutt’intorno in modo da far scendere bene l’olio in fondo e non premetele troppo.
Mettete la griglia e chiudete bene i vasi.
Conservate in luogo fresco e buio.

-> Saranno pronte da mangiare dopo circa un mesetto.